COME PULIRE LA CASA


pulire-casa-bene-velocementePulire la casa è un compito che può essere faticoso quanto gratificante, essendo che a nessuno piace vivere nello sporco può, anche, sembrare una mansione semplice e che non necessita di molte spiegazioni, ma sapresti da dove iniziare? Come si pulisce la cucina? Come si pulisce il bagno?

In questo articolo ti spiegheremo punto per punto, come pulire la casa nel maniera più semplice e comoda, in modo da non sprecare tempo, riuscire a pulire in maniera perfetta tutta la tua casa.

Avere un piano di pulizia è fondamentale

È importante avere un piano per capire come procedere, e quanto tempo hai a disposizione per riuscire a pulire.

Un importante fattore da prendere in considerazione è il tempo; essere a conoscenza del tempo che si ha a disposizione e di quanto tempo occorre per pulire la tua casa.

È necessario ricordarsi che è importante iniziare dall’alto verso il basso, poiché è inutile passare l’ aspirapolvere per poi spolverare e lasciare nuovamente la polvere per terra.

Generalmente, è buona idea non accumulare i lavori domestici a un solo giorno a settimana, poiché ci si ritroverebbe da fare tutto in una sola volta, inoltre andremo a perdere per assurdo, un intera giornata, di riposo magari e non farebbe tanto piacere a nessuno. Quindi la cosa migliore da fare, sarebbe quella di suddividersi i lavori giornalmente oppure ogni tot giorni, settimane o mesi. Andiamo a fare un esempio: ogni giorno, per quanto ci sia possibile, sia per una questione igienico sanitaria che personale, sarebbe buona idea; spazzare, aspirare o raccogliere la polvere dal pavimento, sanificarlo con acqua calda e detergente disinfettante, pulire velocemente il bagno e cercare di tenere pulita la cucina magari dopo ogni suo utilizzo durante l’arco della giornata, in particolar modo tutto il piano di lavorazione, cottura e lavello; infine, sarebbe meglio effettuare lavatrici spesso in base a quanto si sporca, onde evitare di accumulare e sovraccaricare la lavatrice tutta in una volta e ritrovarsi a non sapere dove stendere ed asciugare i vestiti, soprattutto se non si dispone della comodità di un’ asciugatrice.

Tutto ciò ovviamente, andrebbe essere svolto, in base al tempo che si ha a disposizione , tenendo conto di tutti gli impegni giornalieri che si possono avere, da quelli familiari, lavorativi e hobby.

Dopo aver dato una spolverata generica di un piano di pulizie giornaliero, andiamo a fare un esempio di pulizie da svolgere a giorni alterni o a rotazione. Il primo esempio che possiamo fare è quello di spolverare tutti i mobili di casa il giovedì; effettuare una pulizia profonda e dettagliata dei sanitari del bagno il venerdì; il cambio delle lenzuola del letto il sabato; stiraggio dei vestiti il lunedì e non da meno, pulizia profonda e dettagliata dei pavimenti di tutta l’abitazione il mercoledì. Detto ciò, alla fine, si può dedurre che giornalmente ci possiamo ritagliare una qualsiasi piccola parte di tempo, per svolgere determinati lavoretti, senza disperderci troppo tempo e non ritrovarseli accumulati tutti in una volta, ma soprattutto, avere quasi costantemente la casa pulita e in ordine. Ciò sicuramente, soprattutto per chi tiene particolarmente alla pulizia e l’ordine della propria casa, può giovare davvero tanto, in quanto facendo poco ogni giorno, godrebbe sempre e comunque di una casa confortevole senza troppe fatiche e stress intorno a ciò.

Ultimo consiglio: evitiamo le pulizie domestiche della domenica, in quanto, per tante persone, è l’ unico giorno di riposo. Non necessitiamo tassativamente di pulizie anche la domenica, quindi, prendiamocela con comodo e cerchiamo di battezzarlo come giorno di relax e zero pensieri, dedicandoci ad altre attività di svago, che siano in casa, all’aria aperta con amici o familiari.

Quando magari capita, di ritrovarci a dovere fare più pulizie tutte in una volta, è consigliabile prepararsi una lista di cose da fare e man a mano, fino a che non si è finito di fare tutto il necessario, cancellarle con la penna; può anche mettere di buon umore, perché meno cose mancano da fare e più vicino si arriva alla fine.

Suddividere i compiti tra più persone nella stessa abitazione

Se si vive sotto lo stesso tetto, con altre persone, che siano amici o familiari, è giusto suddividere i vari compiti da svolgere in maniera equa e intelligente tra di essi. Ad esempio: a un bimbo piccolo, non si possono ordinare grandi richieste, ma bensì, riordinare la propria cameretta. Mentre a un adolescente, si può chiedere di pulire il bagno, spolverare i mobili o lavare i piatti. Non è giusto, magari, che tutte le mansioni che ci ritroviamo da svolgere in una casa, ricadano su un solo componente familiare, ad esempio e quasi inevitabilmente la mamma . Perciò, è bene , figli o coinquilini che siano, che ognuno si assumi le proprie responsabilità e contribuisca con il proprio aiuto, in quanto tutti quanti mettiamo in disordine e sporchiamo alla stessa maniera una casa.

Alcune nozioni per la pulizia del bagno

Innanzitutto, armati di detergente disincrostante per il calcare, guanti preferibilmente monouso, in quanto più igienici e spugna o panno leggermente abrasivi. La parte del lavaggio del bagno, sembrerebbe essere quella più o meno faticosa, ma al contempo gratificante, siccome essendo che si sporca abbastanza in fretta ed essendo che viene usato frequentemente, una volta pulito, rende e trasmette una sensazione davvero bella e di assoluto pulito. È consigliabile, utilizzare due spugne o panni diversi, uno per la doccia e il lavandino, un’altro per il bidet e il gabinetto, semplicemente per una questione igienica.

Per la pulizia del gabinetto, basta spruzzare su tutta la superficie di esso, l’apposito detergente (solitamente , quelli più utilizzati sono quelli a base di candeggina o anti calcare), strofinare per bene e risciacquare più volte, con acqua calda, presa dal bidet solitamente finché non vediamo sparire completamente il prodotto applicato. Infine, applicare omogeneamente e grattare con lo spazzolone, il prodotto specifico, all’interno di esso, in quanto quella è la zona inevitabilmente e particolarmente più sporca e piena di batteri. Perciò è davvero molto importante tenere un occhio di riguardo in più per tenere sempre pulito a dovere questo sanitario in particolare. Con il bidet, procediamo alla stessa maniera, pulendolo accuratamente lungo tutta la sua stessa superficie con il detergente adatto e sciacquarlo, prelevare l’acqua da esso stesso. Dopodiché, passare alla pulizia del box doccia o della vasca, parte sicuramente più impegnativa, basta usare sempre una spugna abrasiva per scrostare tutta la superficie e possibilmente un prodotto antimuffa, in quanto si forma davvero velocemente e facilmente in quella zona li. Se si hanno vetri, che contornano il box doccia o la vasca, passarvi prima un prodotto anti calcare, sciacquare accuratamente ed infine, lucidare con carta e un prodotto per i vetri a base di ammoniaca, in quanto il risultato finale donerà brillantezza. Infine, si procede con la pulizia del lavandino, passaggio più veloce di tutte le pulizie in bagno, in quanto, basta applicare il medesimo prodotto anti calcare su tutta la superficie e sciacquare abbondantemente. Questo però, risulterà una delle parti del bagno più sporche da pulire, dopo il gabinetto, in quanto inevitabilmente il più utilizzato, per lavarsi le mani spesso e quindi rimangono sempre residui di sapone per le mani, oppure dopo essersi lavati i denti, in quanto rimangono residui di dentifrici e collutori. Per concludere nel migliore dei modi, non dimentichiamoci di spolverare o di lucidare gli specchi presenti in bagno, i termosifoni e i vari mobiletti.

Alcune nozioni per la pulizia della cucina

Innanzitutto, è sempre bene tenere pulito il lavello senza lasciarvi niente, siccome è brutto da vedere e per niente igienico, in quanto contribuisce alla proliferazione di batteri e cattivi odori, lasciarvi stoviglie utilizzate e sporche. È perciò fondamentale lavare ogni tipo di stoviglia, volta per volta che ne facciamo uso se non si ha la possibilità, di fare uso della lavastoviglie, la quale mediamente, in una famiglia, la si può fare partire piena per il lavaggio delle stoviglie, almeno due volte al giorno. È anche bene asciugare le stoviglie, per quanto sia possibile, al più presto, siccome rimanendo bagnate, si rischia di farle macchiare e di conseguenza farle rovinare inutilmente. Gli oggetti più grandi e ingombranti come pentole e padelle, è consigliabile lavarle a mano con acqua molto calda e detersivo per i piatti, in quanto in lavastoviglie rischierebbero solo di rovinarsi il materiale di cui sono fatti e non verrebbero puliti a dovere, siccome, se ci pensiamo, pentole e padelle rimangono sempre molto unte o incrostate. Oltretutto, è bene ricordare che in lavastoviglie, gli oggetti si sciupano e usurano in fretta in quanto il detersivo utilizzato per esse è abrasivo ma in compenso, con l’utilizzo del brillantante, i bicchieri in particolare o le stoviglie in cristallo o vetro, rimarranno sempre come nuovi. Inoltre, è bene tenere sempre pulito , possibilmente meglio ancora, dopo ogni suo utilizzo, il forno a microonde, piano cottura, forno statico o a ventilazione e lavello. Basta davvero poco; esistono prodotti in commercio davvero molto efficaci con il potere disinfettante e disincrostante a base di aromi tipo mela, limone o arancia solitamente, i quali hanno il merito oltretutto di lasciare un ottimo profumo di pulito. In alternativa, per la pulizia di essi, esistono anche rimedi più naturali ed economici , fai da te anche in casa volendo, come ad esempio: una soluzione in uno spruzzino vuoto di acqua, aceto e bicarbonato, ottima da usare davvero su ogni tipo di superficie, riuscendo comunque a dare ottimi risultati di pulizia sperati e offrendo l’utilizzo di un prodotto davvero poco aggressivo ma al contempo naturale ed efficace.

È consigliabile, ogni tot periodo, effettuare una sorta di inventariato dei mobili della cucina, in particolar modo della zona con gli alimenti, in quanto è un ottima occasione per il riordino e la pulizia del mobile stesso e un controllo delle scadenze degli alimenti che non fa mai male, anzi, si evitano sprechi di ogni tipo così e almeno ci si fa un idea di cosa manca da comprare e quindi cosa aggiungere alla lista della spesa. Può essere un ottima idea, organizzare i mobili della cucina per zone: suddividendo stoviglie da una parte, elettrodomestici dall’altra, alimenti da un altra ancora ecc… Soprattutto per una facilità di utilizzo e spostamento, nel momento di bisogno di essa stessa.

Alcune nozioni per la pulizia delle camere da letto

 

Rimetti subito in ordine tutto nella stanza da letto, iniziando dalla coperte in che è consigliabile cambiare almeno una volta alla settimana e ogni giorno rifare il letto anche se può sembrare inutile, siccome la sera torniamo disfarlo, una volta rifatto, ti renderai comunque conto di quanto bella sia la camera da letto tutta in ordine. Raccogli poi tutti i vestiti sporchi e sparsi in giro, riponendoli nella cesta della biancheria utilizzata. Man a mano che lavi, asciughi e stiri i vestiti puliti, cerca subito di riporre tutto al proprio posto negli armadi cosìcché da non ritrovarti mucchie di vestiti lavati sparsi che magari potrebbero andare a mescolarsi con quelli sporchi, creando ulteriormente disordine; sarebbe poi stata solo fatica sprecata! Diversamente, cercare di organizzare il vestiario del tuo armadio in maniera organizzativa, diventerà indispensabile per la tua routine quotidiana, rendendoti semplice la ricerca degli indumenti. Può quindi risultare intelligente e risolutivo, armarsi di contenitori organizzati, grucce, sacchetti sottovuoto e scarpiere il proprio guardaroba, rintracciabili in vari negozi di articoli domestici.

Alcune nozioni sulle pulizie nel resto della casa

Puoi continuare pulendo zone e punti effettivamente non tanto spesso presi in considerazione in quanto, lavoretti non tanto urgenti da fare, ma comunque a cui dare attenzione in maniera dispensabile ogni tot tempo, come ad esempio: togliere le ragnatele dai muri e dagli angoli di fianco ai mobili; pulire tutti i battiscopa da polvere e sporco; lavare le tende; aspirare i tappeti, batterli e lavarli; pulire i vetri delle finestre, le tapparelle o le persiane; pulire i lampadari; pulire in alto sopra i mobili; svuotare cestini dell’immondizia; riordinare ripostigli, cantine, garage e soffitte ogni tanto, che qualcosa da buttare via, regalare a qualcuno, vendere o riordinare, si trova sempre.

Come pulire pavimenti e mobili

La pulizia dei pavimenti, che si presentano sotto davvero diversissime forme (ceramica,  marmo,  parquet,  moquette, linoleum ecc…), è sicuramente la parte più fondamentale delle pulizie di casa in quanto è effettivamente il punto più sporco della casa. Innanzitutto, bisogna raccogliere la polvere e lo sporco da terra con panni cattura polvere, scopa classica, scopa elettrica o aspirapolvere in quanto giornalmente si accumulano davvero un sacco di batteri, acari e non da meno se abbiamo animali domestici, cumuli di peli che si infilano ovunque. Per la detersione finale del pavimento invece, bisogna adoperarsi di detergenti per pavimenti adatti al proprio, acqua molto calda e un buon cosiddetto mocio, straccio o panno in microfibra. La maggior parte di detergenti utilizzati per la detersione del pavimento, non richiedono particolari attenzioni, nemmeno successivi risciacqui.

Per la pulizia dei mobili invece, esistono in commercio tantissimi prodotti adatti ad ogni tipo di superficie del materiale del mobile stesso, ad esempio: erogatori che lucidano e detergono i mobili in legno e lasciano buonissime profumazioni, sempre panni cattura polvere con cera d’api solitamente. Infine, parte meno divertente e dispersiva di tempo, è lo spolverare per bene tutti gli oggetti presenti su mobili, mensole, scaffalature ecc…

In conclusione, come tocco finale, non c’è cosa migliore, dopo aver concluso le pulizie di casa, che accendere una bella candela profumata, un diffusore terapeutico di aromi, spruzzare con l’erogatore spray profumato ecc… Ciò darà un tocco speciale a casa vostra, rendendola ancora più confortevole e dando davvero un grande senso di pulizia e ordine! Ultimissimo consiglio: non resta da fare altro che godervi la vostra casa bella pulita e profumata in compagnia o meno, non c’è cosa più gratificante.

L’importanza di avere una casa pulita e ordinata

La maggior parte delle donne vorrebbe dimenticare queste parole: pulire, riordinare ecc… C’è chi invece ne trae un enorme giovamento e lo considera decisamente terapeutico. Le persone con le case più curate, sono anche le più sane, in quanto c’è una correlazione diretta tra la salute e la pulizia della casa. Per cui mantenere una casa pulita nel quotidiano vi farà sentire sicuramente meglio e vivere più sereni e tranquilli. Provate ad immaginare che senso di angoscia e frustrazione vi prenderebbe, nel rientrare in una casa sporca, fredda e disordinata con letti, da rifare, piatti sporchi da lavare, cose sparse in giro ovunque e fuori posto…a chi invece non piacerebbe fare rientro nella propria dimora tenuta in maniera accogliente, pulita e profumata? Ha certamente tutt’un altro aspetto. Il segreto più grande per mantenere ordine e pulizia, è quello di sistemare volta per volta che si crea disordine oppure che si utilizza qualcosa, in quanto se contrariamente si lasciasse tutto così come capita, si accumulerebbe sempre più disordine e sporco.

Generalmente  è consigliabile, ogni tanto, effettuare un riordino generale della propria abitazione per far si che le cose rotte oppure quelle che non utilizziamo più da diverso tempo che lasciamo li ad occupare inutilmente spazio o a prendere polvere, vadano buttate via o messe da parte, lontano da dove viviamo. È un ottima idea, anche e solo per farsi un idea di ciò che si ha in casa e magari ritrovare ciò che si era persa o che si cercava da diverso tempo; eliminare praticamente il superfluo! Poi se non si ha voglia di farli in autonomia, perché non chiedere aiuto a un parente o amico? Così da ritrovare un occasione per passare insieme anche un po’ di tempo, in maniera utile e produttiva. È un ottima idea, quella di pulire o riordinare casa con musica in sottofondo, che può dare carica e motivazione per ciò che si sta facendo o al contempo, rilassare.

Oltretutto pulire e riordinare casa ha un potere per il fisico che non potrete immaginare…meglio di una palestra! Sembra una sciocchezza, ma per ogni attività domestica svolta si perdono diverse kcal, ad esempio: rifare 4 letti, fa bruciare 65 kcal; passare mezz’ora di aspirapolvere fa bruciare 90 kcal; un’ora di pulizia di pavimenti equivale a 145 kcal perse;  spolverare 25 calorie ogni 15 minuti;  stirare, 150 kcal all’ora;  lavare il bagno, 250 kcal; un ora di pulizie di vetri, equivale a 330 kcal. Insomma, non è abbastanza per farvi pulire casa più motivati e carichi d’ora in poi?


Commenti chiusi