COME STUPIRE GLI OSPITI A CENA


A quanti di voi non è mai capitato, di andare a cena da un amico e rimanere stupiti e piacevolmente soddisfatti di come ha organizzato e cucinato?

Fare bella figura a cena e stupire gli ospiti è molto gratificante, nonostante significhi comunque faticare prima; oggi siamo qui per svelarvi i segreti della cena perfetta per stupire gli ospiti.

Ci sono molteplici fattori che portano l’ organizzatore della cena al successo in questa “battaglia” che sono: l’ accoglienza, la composizione della tavola, il menù, la presentazione del cibo e l’ organizzazione di tutta la serata.

Accoglienza degli ospiti

Partiamo dal principio, stanno arrivando gli ospiti come dobbiamo presentarci? Come dobbiamo accoglierli?

Sicuramente una delle primissime cose da fare è quella di essere sempre sorridente ed accogliente, in questo modo l’ ospite capirà e coglierà immediatamente l’ energia positiva; l’ altro passo è avere una casa accogliente che faccia sentire l’ ospite subito a suo agio, come se fosse in casa sua.

L’ ambiente e l’ atmosfera giocano un ruolo fondamentale, l’ ospite deve sentirsi a suo agio e tranquillo nella stanza in cui verrà servita la cena.

Scegliete anche un po’ di musica, ad esempio se la compagnia che sta per arrivare, è una compagnia da buon vino, chiacchiere e tante risate, è chiaramente sconsigliata una musica assordante mentre è consigliata una musica di leggero sottofondo; invece se sai che la compagnia che sta per arrivare è particolarmente movimentata metti musica che trasmetta energia in modo da partire già carichi per una gran cena.

Aiutatevi anche con candele profumate ed oli, un buon odore è associato anche a gran piacere e tranquillità, occorre però evitare odori troppo forti e coprenti perché quando sarà il momento di mangiare non si sentirà l’ odore del cibo bensì solo quello delle candele o degli oli scelti.

Composizione e presentazione della tavola

La tavola nella foto presenta delle decorazioni invernali e natalizie, è da prendere come esempio per ciò che preparerete voi.

Vediamo come organizzare, preparare e comporre la tavola in maniera perfetta per i tuoi ospiti:

  • La prima cosa da fare è individuare il numero di persone che vengono a cena, in modo da riuscire a calcolare lo spazio per ogni persona, che di norma è circa di 50 cm. Guarda anche al numero di sedie che ti servono, chiaramente per fare bella figura servono sedie tutte uguali per evitare l’ effetto rimedio dell’ ultimo secondo.
  • La tovaglia, l’ abito da sera della nostra tavola e come ogni abito dev’ essere perfetto. Come dev’ essere la nostra tovaglia? La nostra tovaglia deve rispecchiare quello che è la compagnia che verrà a cena e la cena stessa; se la nostra cena è una cena elegante chiaramente le tovaglie multicolore sono da evitare, meglio di lino bianco oppure di fiandra; se invece stai per affrontare una cena più rustica, la miglior tovaglia per te è la tovaglia a quadri rossa, blu o verde. Ricordati anche che dev’ essere della lunghezza giusta, e non deve cadere più di 50 cm per lato.
  • I tovaglioli, fratelli stretti della tovaglia in quanto è consigliabile che siano dello stesso materiale, nel caso tu non disponga di tovaglioli dello stesso materiale della tovaglia usa quelli di carta normali, l’ importante è che siano dello stesso colore dei piatti, meglio evitare delle fantasie. Il posizionamento dei tovaglioli può essere sia a destra che a sinistra, è fondamentale che non siano sotto le posate.
  • I piatti, chiaramente abbinati al servizio. Per i piatti è necessario anche che siano disposti bene e in un ordine preciso: sopra al sottopiatto va il piatto fondo, il piatto fondo però si mette solo se sono previste zuppe o minestre.
  • I bicchieri, questi possibilmente devono essere in vetro o in cristallo, se sono previsti vini è necessario che ci siano bicchieri diversi per i vari tipi di vino, mettendo prima il bicchiere da vino rosso che è leggermente più piccolo di quello da vino bianco.
  • Bottiglie e caraffe, esse possono essere sistemate sulla tavola a portata di mano degli ospiti, non mettere in tavola i sottobicchieri poiché farebbe vedere che sei preoccupato per la tovaglia mettendo così in suggestione l’ ospite.

Come disporre le posate

Anche apparecchiare la tavola segue regole ben precise e chiare, per cene che presentano più portate le posate seguono il menù dall’ esterno verso l’ interno.

A sinistra si dispongono prima le forchette che andremo ad utilizzare, mentre a destra andremo a sistemare i coltelli con la lama rivolta verso il piatto e la punta rivolta verso l’ altro; successivamente andremo a posizionare i cucchiai ( solo se sono previste minestre o zuppe).

Le posate da dessert o da dolce, vanno posizionate sopra ai piatti, mettendo prima il coltello poi la forchetta e in seguito il cucchiaio.

Scegliere il menù

La scelta del menù non è mai semplice, ed è anche la parte più stressante della cena, essendo che dovrai essere tu a prepararlo e a servirlo.

Ci sono vari punti da affrontare, ma ora noi non spiegheremo cosa o come cucinare una determinata pietanza, ma bensì come scegliere cosa fare.

Il nostro primo punto riguarda i gusti personali degli invitati:

Gusti personali degli ospiti: Partiamo dal principio il menù viene scelto dalla padrona di casa; una brava padrona di casa, dovrebbe, conoscere i suoi ospiti e garantire pietanze comuni che piacciano a tutti. Ma la cuoca non rinuncerà a fare determinate pietanze, per qualche capriccio o esigenze particolari di amici; sicuramente terrà conto di intolleranze e allergie variando il suo menù in modo che tutti riescano a mangiare.

Quante portate è necessario servire: L’ Italia è il paese per eccellenza della buona tavola e sulle nostre tavole abbondano sempre pietanze e portate davvero spettacolari, ma il numero perfetto di portate è circa 4, che comprendono aperitivo, primo, secondo con relativo contorno e dolce.

Aperitivo: La scelta classica di un aperitivo prima di cena, è quella di un tagliere che presenta qualche affettato, qualche formaggio, dei grissini e un buon vino.

Primo: Per il primo piatto in caso sia un cena elegante opta per un piatto tipico della tua tradizione, se invece la cena è casual proponi un primo piatto con carne o pesce e sorprendi tutti con il tuo piatto migliore.

Secondo con contorno: Un secondo piatto che va a braccetto col primo piatto, essendo che se hai scelto la carne è bene continuare con essa e viceversa.

Dessert: Una cena con degli ospiti non è una vera cena senza dessert. Torte, pasticcini, frutta fresca di stagione oppure un po’ di gelato e per chi gradisce può anche bere un paio di bicchierini di liquori.

Come scegliere le pietanze

Per le scelte delle pietanze occorre tenersi in mente alcuni punti fondamentali, uno su tutti è la varietà della scelta del menù, considerando un primo punto fondamentale che è la stagione in cui ci si trova.

Un altro punto è quello di non puntare tutto su un solo ingrediente, perché se a qualcuno non dovesse piacere quel ingrediente saresti fregato; Chiaro che se avvisi che sarà una cena esclusivamente a base di funghi, perché è stagione e siete andati a raccoglierli, lì starà all’ ospite decidere cosa fare.

Cercate di ragionare sui gusti e sui colori, in modo che oltre ad abbinarsi bene si otterrà anche una reazione visiva che incrementerà il piacere nel mangiare quella pietanza. Parte tutto dall’ aperitivo in base ad esso, si struttura la tua cena; esempio: un aperitivo rustico che è formato da vari affettati, come prosciutto, salame, mortadella, ciccioli, accompagnato da formaggi di vario tipo, olive e grissini, sicuramente non può essere seguito da un primo piatto raffinato la cena sarebbe strutturata male, se invece venisse seguito da un piatto di pasta al ragù, da lasagne, pasta al forno, tagliatelle ai funghi ecc ecc.. la cena avrebbe una struttura più unita e solida.

Quanti vini è consigliabile abbinare per una cena?

Il numero di vini da servire è uguale al numero di portate, per l’ aperitivo uno o due calici di vino che solitamente è bianco frizzante, per il primo portate (in base al numero di persone presenti alla cena) una o più bottiglie di vino ma che sia sempre della stessa tipologia, per i secondi uguale, mentre per i dessert portate fuori un vino fruttato, fresco per concludere la cena.

Argomenti da evitare a tavola

Per quanto tu ti possa impegnare nel preparare tutto al meglio, servire buon cibo e buon vino, anche solo un argomento può iniziare a far discutere e creare fastidiose liti e rovinare tutta l’ atmosfera e la cena.

Ci sono specifici argomenti che sono assolutamente da evitare per motivi che possono andare dal cattivo gusto, a tematiche da non trattare in quel preciso momento; comunque i temi da evitare durante una cena sono quelli che contengono tematiche scottanti e pesanti.

Ecco gli argomenti di cui non bisogna trattare a cena:

  • Politica: l’ argomento per eccellenza da evitare. Un tema su cui moltissime persone si trovano spesse volte in disaccordo, sfociando sempre in controversie e dibattiti mai graditi.
  • Calcio: in Italia lo sappiamo tutti che abbiamo una piccola “malattia” per il calcio, dove la squadra avversaria è vista peggio della peste e i tifosi avversari pure, verrebbero fuori sempre le stesse cose dove episodi hanno caratterizzato la partita favorendo una o l’ altra squadra; inutile dire che se dovesse uscire un discorso di questo tipo tutta una tavola sia d’ accordo;
  • Religione: tema altrettanto scottante, quasi come la politica; tra chi crede e chi non crede la guerra è sempre pronta lì a scoppiare, soprattutto perché manca la comprensione delle due parti.
  • Soldi: Parlare di un vostro investimento è un conto ostentare la vostra ricchezza o lamentarsi è un altro conto, inoltre è un argomento davvero di pessimo e cattivo gusto. Conti in banca, spese folli, perdite e guadagni monetari sono particolari e possono mettere i nostri ospiti in soggezione per molti motivi.
  • Pettegolezzo: Un po’ di gossip non ha mai ucciso nessuno, ma da un po’ ad esagerare la linea è davvero sottile. Un argomento che è parecchio maleducato e irrispettoso verso chi non è presente in quel momento, in più magari meglio non fare brutte figure se si sparla di una persona con un ospite a cena che ha a che fare con la suddetta persona quotidianamente.

Dopo aver elencato gli argomenti di cui è meglio non trattare a cena, la domanda sorge spontanea: Di cosa possiamo conversare durante una cena?

La risposta è tutto sommato abbastanza semplice, racconta di qualche viaggio che hai fatto con gli amici, oppure di qualche viaggio che hai prenotato, di quel film appena uscito che sta battendo tutti i record d’ incassi, di quel bellissimo romanzo che hai appena finito di leggere, del nuovo telefono che hai comprato cercando anche di spiegare perché l’ hai comprato, di un concerto che hai visto/ stai per andare a vedere, di avventure passate con i presenti a tavola (ottimo per ricordare e ridere su quello che è successo), in generale di argomenti che affrontano tematiche d’ interesse generale, poco scottante e non troppo pesanti.

 


Commenti chiusi