COME ANDARE A VIVERE IN CANADA


Il Canada è uno stato indipendente nell’ America Settentrionale, bagnata da ben tre mari Mar Glaciale Artico a nord, Oceano Atlantico ad est e l’Oceano Pacifico a ovest; questo stato è il secondo paese al mondo con la superficie più estesa con i suoi 9.897.170 km² è secondo solamente alla Russia.

In Canada oltre alle città che andremo a citare e descrivere a breve, ci sono moltissimi parchi da visitare, andiamo a vedere i due principali e più famosi parchi canadesi:

  • Banff National Park: questo parco è patrimonio dell’UNESCO, ed è rinomato per le sue montagne rocciose, i paesaggi incontaminati, i laghi e la sua natura davvero incredibile. Questo parco ci da la possibilità di fare circa mille percorsi a piedi, all’ interno di esso, permettendoci di osservare la bellezza delle parco e dei suoi stupendi laghi: Lake Louise, Lake Moraine, Emerald Lake;
  • Jasper National Park: non lontano dal Banff National Park, sorge un altro meraviglioso parco, anch’esso ci offre la possibilità di percorre sentieri immersi nella natura più totale, facendoci ammirare tutta la bellezza del parco;

Dopodiché andiamo a vedere le città più famose canadesi:

  • Toronto: Toronto è la capitale della provincia dell’Ontario ed è anche la città più popolosa del Canada. Toronto è molto simile alle metropoli Americane, ed affascina molto per quel mix di culture che si hanno trovato casa a Toronto. Non lontano da Toronto troviamo le cascate del Niagara, che agiscono da agente attivo nel rendere Toronto una città davvero stupenda; in questa città c’è anche da vedere la Cn Tower, l’ edificio più alto di Toronto, un altro luogo da visitare è il The Patch, ovvero la Toronto sotterranea costruita per sfuggire al freddo durante l’inverno;
  • Montréal: questa città è molto famosa per quanto riguarda i suoi ampi spazi verdi, ed è anche considerata la capitale culturale del Canada orientale. Montréal è chiamata anche la “doppia città”, poiché durante il freddo del rigido inverno canadese la città si sposta nel Resoconterò, un cunicolo lungo ben trentadue chilometri, in cui troviamo gallerie, negozi, autobus e musei;
  • Vancouver: la città di Vancouver è circondata dal mare e dalle montagne ed è anche a pochi chilometri dalle maggiori attrazioni naturali che il paese ci offre, infatti queste attrazioni rendono la città di Vancouver una delle città più belle del Canada e del mondo, inoltre è anche una delle città in cui si vive meglio. I principali luoghi da visitare in questa città sono lo Stanley Park, in cui possiamo concederci una bella passeggiata, un altro luogo da visitare è la Grandville Island in cui possiamo trovare il mercato più incredibile del Canada, che è anche il miglior posto per esplorare il meglio della nuova scena culturale della città;
  • Calgary: la terza città più grande del Canada, molte volte viene visitata solamente di passaggio o per i suoi parchi naturali molto belli. Calgary è molto simile ad una città americana ed è anche piena di vita, ta i suoi grattacieli, gli spazi culturali, i musei e anche una scelta gastronomica davvero molto vasta ed incredibile;

Viste le città ed i luoghi più importanti all’ interno dello stato Canadese, andiamo a vedere le caratteristiche che ci interessano per stare in Canada.

Residenza, cittadinanza ed eTA

Chi lascia l’Italia per trasferirsi in Canada a titolo definitivo, non hanno bisogno di alcun tipo di visto, però è necessario essere in possesso dell’eTA Canada, cos’è l’eTA? L’eTA è un’autorizzazione elettronica di vigilo che viene richiesta agli stranieri che possono non essere in possesso del visto, quest’autorizzazione è collegata elettronicamente al passaporto per cui occorre che il passaporto si valido da almeno sei mesi.

Il periodo massimo di soggiorno in Canada è di sei mesi, ma il periodo preciso sarà deciso dall’immigrazione canadese che deciderà la durata in base allo scopo del viaggio. L’eTA ha una validità di cinque anni o fino a quando il passaporto non scadrà, la richiesta per l’eTA viene fatta esclusivamente online, potete richiederla cliccando nel link che segue: eTA Canda;

Andiamo a vedere ora la residenza permanente:

Per le persone che desiderano avere la residenza permanente in Canada dovranno tenere presente che l’iter sarà molto lungo e tortuoso, infatti occorrerà seguire una determinata procedura in base alla categoria a cui apparteniamo; facciamo un esempio così da riuscire a capire meglio: è possibile fare richiesta come lavoratore qualificato (skilled worker); in tal caso verranno valutati alcuni fattori: età, livello scolastico, esperienze lavorative passate, la fedina penale e l’ adattabilità. Al termine di questa valutazione ci verrà assegnato un punteggio che va da zero a cento, per aver diritto alla residenza permanente è necessario aver totalizzato un punteggio che va da sessantasette su cento. Una volta entrati in possesso della Permanent Resident Card, il visitatore potrà godere, di quasi, tutti i diritti dei normali residenti canadesi.

La cittadinanza la possono richiedere solamente i maggiorenni che vivono da almeno tre anni, inoltre bisognerà anche effettuare un test dove bisognerà dimostrare di essere a conoscenza della lingua francese o della lingua inglese, poiché queste due sono le due lingue ufficiali parlate all’ interno dello stato canadese. Inoltre per essere in possesso del certificato di cittadinanza canadese, bisognerà pagare la tassa di applicazione che ha un costo di circa duecento Euro e si dovranno anche presentare dei garanti per le firme.

Una nota molto positiva, è il funzionamento del sistema sanitario, che è garantisce l’ assicurazione sanitaria chiaramente ai cittadini canadesi ma anche a chi è in possesso della residenza permanente. La prima cosa da fare appena atterrati sul suolo canadese è quello, appunto, di chiedere l’ assicurazione sanitaria al governo provinciale o al governo territoriale; il modulo di richiesta è facilmente reperibili negli ospedali, nelle farmacie, presso gli studi medici e anche dalle immigrant- serving organizations o anche semplicemente online.

Quando andremo a presentare la richiesta dovremmo mostrare un documento d’identità, oppure la conferma che siamo in possesso della residenza permanente. A differenza degli stati uniti, il sistema sanitario è strutturato per garantire un accesso molto più semplice alle cure mediche e a tutte le strutture mediche e agli ospedali, inoltre non è previsto un unico piano nazionale, ma è sostituito da diversi piani di assicurazione di carattere provinciale e territoriale che mostrano diversi punti in comune.

Costo della vita

In Canada la valuta nazionale è il Dollaro Canadese, un dollaro canadese equivale a circa sessantasei centesimi italiani.

Il costo della vita in Canada, paragonandolo agli stati dell’Europa Occidentale, insieme ad Australia e Nuova Zelanda, scopriremo che è vantaggioso vivere all’ interno dello stato Canadese, anche se città come Toronto e Vancouver sono tra le più care al mondo, ma spostandosi un po’ fuori dalla città ed entrando in periferia, non è raro vedere che i prezzi si abbassano notevolmente rispetto alla città, soprattutto quelli degli affitti. Il fattore che influenza maggiormente il costo di un immobile è la vicinanza di stazioni della metropolitana oppure fermate degli autobus.

Bisogna comunque considerare che è tutto commisurato, per cui una volta trovato lavoro gli stipendi saranno commisurati al costo della vita. Ciò vuol dire che una volta trovato un posto di lavoro, sarà molto più semplice inserirsi nella società, riuscendo anche a sostenere ogni tipologia di spesa.

Calgary, negli ultimi anni è entrata a far parte delle città canadesi che possiedono un reddito medio più alto, nonostante presenti costi elevati per quanto riguarda i mezzi di trasporto pubblico, che però offrono un servizio davvero impeccabile, presenta prezzi elevanti anche per quanto riguarda l’abbigliamento e per gli acquisti del cibo. Questa città è ottima, dal punto di vista degli studenti, la scelta di diversi college canadesi di decentralizzare le sedi, cosi facendo si riducono i costi per l’alloggio.

Prendendo in considerazione il mercato del lavoro, a differenza di quanto avviene per una visita di piacere bisogna avere bene chiara sui visti lavorati che lo stato mette a disposizione.

Il primo è quello chiamato Working Holiday Visa: questa proposta è molto apprezzata e la può usufruire fino al compimento del trentacinquesimo anno d’età. Conosciuto anche come WHV, è utilizzato anche in Australia e altri paesi, questo visto aiuta molto chi è in cerca di lavoro in Canada. Per poter usufruire di questo servizio, bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Essere cittadino italiano;
  • Avere tra i diciotto e i trentacinque anni d’ eta nel momento che si effettua la domanda;
  • Avere a disposizione una somma che va circa dai duemilacinquecento dollari, per coprire le spese iniziali;
  • Essere pronti a stipulare una polizza di assicurazione sanitaria, limitata al periodo in cui soggiornerai;
  • Versare centocinquanta dollari come quota di partecipazione;

Ovviamente, se siete molto fortunati riuscirete a trovare un datore di lavoro che farà da garante per noi e si occuperà della burocrazia sarà tutto molto più facile, questo può accadere se si trova lavoro in Canada prima di lasciare l’Italia. Lavorare legalmente in Canada significa anche essere in possesso del Numero dell’Assicurazione Sociale (SIN). Nel caso in cui il lavoratore abbia trovato un occupazione in Québec, il datore di lavoro è obbligato a contattare il Ministère de l’Immigration, de la Diversité et de l’Inclusion. Questo ci  darà modo di avere il certificato d’accettazione del Québec (CAQ),dopodiché l’ambasciata ci darà l’autorizzazione per il lavoro temporaneo.

Un altro visto è quello denominato Temporary Worker e lo Skilled Worker; questo visto ci permette di ottenere un permesso di lavoro temporaneo che ci permetterà di lavorare come Temporary Worker e lo Skilled Worker. Occorre però che il datore di lavoro dichiari che ci sia bisogno di lavoro.

Le città che presentano più opzioni lavorative sono chiaramente le più grandi, per cui Toronto, Ottawa, Montréal, Vancouver e Québec ma insieme ad esse ci sono anche le città di Calgary e di Alberta che offrono molte posizioni nel settore petrolifero, oltre queste città ce ne sono altre tre: Burlington, dove ci sono molte posizioni nei settore industriale e manifatturiero, poiché ci sono moltissime aziende nel settore alimentare, farmaceutico, elettronico e del packaging; l’altra città è Oakville per gli appassionati del settore automotive ed aerospaziale; Boucherville è l’ultima delle tre città che presenta posizioni aperte nel settore industriale e in quello aerospaziale.


Commenti chiusi